Domenica, Dicembre 17, 2017

Volano i mutui casa, riparte l’edilizia

  • Martedì, 09 Maggio 2017 22:48

Nel 2016 il totale dei finanziamenti erogati in Piemonte sfiora i 3 miliardi e 837 milioni

 

 
 
 
 

 

 

Volano i mutui casa in Piemonte: nel 2016 il totale dei finanziamenti erogati a coppie e famiglie per acquistare un’abitazione hanno sfiorato i tre miliardi e 837 milioni di euro, con un incremento del 20,7 per cento rispetto all’anno prima. Secondo l’Ufficio studi Tecnocasa, che ha elaborato dati ufficiali diffusi dalla Banca d’Italia, l’aumento in valore assoluto è stato pari a 657 milioni di euro, cifra che ha portato la regione a ottenere il 7,72% del totale dei prestiti casa erogati in Italia (49 miliardi e 727 milioni). 

 

 

ANDAMENTO ALTALENANTE  

La performance a livello piemontese è praticamente uguale a quella nazionale, che ha registrato un trend in crescita del 20,6%. In realtà, l’andamento del mercato dei mutui nel 2016 è stato altalenante: gli 833,5 milioni di euro erogati tra gennaio e marzo sono diventati 1 miliardo e 11 milioni nel trimestre successivo; quindi una nuova discesa a 882,8 milioni e, infine, la decisiva rimonta negli ultimi tre mesi dell’anno a un miliardo e 109 milioni, dato che ha di fatto confermato la ripresa del settore immobiliare. 

 

Basti pensare che solo tra ottobre e dicembre 2016 le famiglie hanno ottenuto praticamente quasi il triplo di quanto era stato loro concesso nei primi tre mesi del 2014 (395,5 milioni). 

 

BANCHE «MENO GENEROSE»  

Anche l’importo è salito: nel quarto trimestre dell’anno scorso, chi aveva chiesto soldi alle banche per comprare la casa si è visto assegnare in media 105.700 euro, oltre duemila euro in più rispetto ai 103.500 euro che venivano mediamente concessi nello stesso periodo del 2015. Resta il fatto che, in Piemonte, gli istituti di credito si rivelano «meno generosi» che nel resto d’Italia: ampliando il confronto all’intero secondo semestre, mediamente colui che sottoscrive un mutuo in regione riceve un contributo di circa l’8% inferiore rispetto ai 113.500 euro che rappresentano la media nazionale. 

 

Tra le province piemontesi, Torino continua ad avere il peso maggiore, con 2 miliardi e 363 milioni di euro di mutui casa erogati nel 2016 (il 61,5% di tutti quelli concessi in regione). Cifra che porta al 22,2% l’incremento su base annua, valore record in Piemonte. La miglior performance nell’ultimo trimestre dell’anno scorso è stata, invece, quella di Cuneo: +30,9% e 105 milioni di euro tra ottobre e dicembre, che hanno portato il totale annuale a 355,9 milioni. 

 

Novara ha fatto meglio in valore assoluto, con 455,5 milioni di euro in dodici mesi (+17,6% sul 2015), ma tutte le province hanno fatto registrare numeri positivi alla fine dello scorso anno: mutui casa per 254,5 milioni ad Alessandria (+25,4%), 109,3 milioni ad Asti (+19,7%), 94,1 milioni a Biella (+16,2%), 128,2 milioni a Verbania (+14,3%) e 85,9 milioni a Vercelli, area con il più basso incremento annuale, solo il 3,2%. 

 

TIMORI PER L’EFFETTO BREXIT  

«I volumi continuano ad aumentare da tre anni e, seppure non più come in passato, la domanda di mutui sta proseguendo la sua crescita – spiegano all’Ufficio studi Tecnocasa -. La Banca centrale europea sta continuando le manovre per supportare l’erogazione del credito, così l’offerta bancaria è migliorata grazie alla riduzione degli spread sui mutui. Tuttavia, nei prossimi trimestre sarà da valutare l’effetto Brexit sulla concessione di finanziamenti, per questo è probabile che le banche gestiranno con molta prudenza le richieste di erogazione nel 2017». 

 

 

News home